Le testimonize raccolte a conclusione del progetto di lotta alla malnutrizione infantile e assistenza medico-nutrizionale nel Nord del Burkina Faso

Si è conclusa l’esecuzione del “Progetto di assistenza medico-nutrizionale e di protezione a beneficio delle popolazioni colpite dalla crisi di sicurezza nei distretti sanitari di Gorom-Gorom, Thiou e Titao” (Progetto ECHO / -WF / BUD / 2019/91013). Della durata di quasi 2 anni, dal 1 aprile 2019 al 31 gennaio 2021, l’obiettivo di questo progetto è stato quello di “contribuire alla riduzione della morbilità e mortalità nelle popolazioni delle regioni del Sahel e del Nord del Burkina Faso colpite. crisi della sicurezza ”. È stato implementato attraverso un consorzio di diverse ONG tra cui LVIA, Terre des Hommes e CRUS.

Secondo una dichiarazione dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), più di due milioni di persone sono state sfollate internamente nella regione del Sahel del Burkina Faso al 22 gennaio 2021 a causa della violenza perpetrata da gruppi armati non identificati nella regione. La situazione di insicurezza che vive il Burkina Faso dal 2016 non ha portato solo a movimenti di popolazione interna. In termini di salute, le conseguenze della crisi sono numerose: mancanza di cure mediche, mancanza di cibo nutriente, mancanza di protezione e l’aggravarsi di un contesto già molto fragile. Le popolazioni del Sahel e delle regioni del Nord sono le più colpite da questa mancanza di servizi socio-sanitari e di protezione, essendo queste aree le più a rischio di subire incursioni violente da parte di gruppi armati. In questi anni LVIA insieme ad altri partner ha promosso il “Progetto di assistenza medico-nutrizionale e di protezione a beneficio delle popolazioni colpite dalla crisi della sicurezza nei distretti sanitari di Gorom-Gorom, Thiou e Titao”

Il benessere delle popolazioni al centro dell’azione

Le persone del progetto sono venute per portare la salute a mio figlio. Siamo fuggiti dai conflitti e quando siamo arrivati ​​qui mio figlio soffriva molto. Gli operatori ci hanno detto che non mangiava cibo sufficinetemente nutriente, lo hanno curato e oggi sta molto bene. Sono molto grata al personale che ci ha assistito.

D.A., una madre che ha ricevuto assistenza per suo figlio a Gorom Gorom attraverso il progetto

Come lei, ci sono molte persone che riconoscono di aver beneficiato del sostegno del progetto. Nutrizione, salute e protezione sono i tre settori principali la cui realizzazione è avvenuta in tre distretti sanitari del Paese: Gorom Gorom nel Sahel, Thiou e Titao nel Nord.

I risultati raggiunti dal progetto sono:

  1. Miglioramento dello screening per individurare i casi di malnutrizione infantile nei bambini da 0 a 5 anni;
  2. Miglioramento dell’accesso ai servizi socio-sanitari per le popolazioni colpite da crisi e conflitti;
  3. Migliorare l’accesso ai servizi sociali per i bambini e le donne bisognose di protezione e colpite da crisi e conflitti.

I beneficiari diretti erano principalmente bambini sotto i 5 anni, donne incinte, donne che allattano, feriti gravi, sfollati interni e rifugiati fuori dal campo profughi. Inoltre, operatori sanitari, assistenti sociali e i leader della comunità hanno beneficiato del supporto tecnico, nutrizionale e sanitario del progetto.

 

Dopo 21 mesi di implementazione del progetto, i risultati sono considerati molto soddisfacenti.

A livello del distretto sanitario di Gorom Gorom, ad esempio, gli indicatori mostrano che più di 200.000 abitanti hanno beneficiato direttamente dell’offerta di assistenza istituzionale (inclusi 37.000 bambini di età compresa tra 0 e 59 mesi) e che quasi 40.000 bambini sono stati sottoposti a screening per la malnutrizione. Nonostante il contesto difficile, il tasso di guarigione per la malnutrizione acuta su base ambulatoriale o interna è superiore al 90%. Risultati ben oltre le aspettative degli attori esecutivi che li accolgono.

Quando analizziamo questi dati e osserviamo la vita quotidiana delle popolazioni, possiamo dire che i risultati sono stati raggiunti. All’inizio i casi di malnutrizione infantile erano molto numerosi e frequenti. Ma con l’intensificarsi del nostro intervento, abbiamo notato che il problema diminuiva notevolmente.

C.K un operatore sanitario reclutato dal progetto e impiegato nel distretto sanitario di Gorom Gorom.

Nella componente “protezione”, il numero di donne e bambini vittime di violenza che hanno beneficiato di cure di emergenza è stato di 328, il numero di donne e bambini che hanno beneficiato dei costi di trasporto verso i servizi sociali è stato di 144; e 16.545 persone sono state raggiunte da attività psicosociali.

 

La determinazione degli operatori del progetto è stata fondamentale per superare le difficoltà

Questi risultati sono stati raggiunti nonostante il contesto difficile legato in particolare alla precaria situazione di sicurezza nelle aree di intervento, all’impatto delle misure di contrasto del COVID-19, alla chiusura di molti centri di salute e agli accessi limitati ai siti di intervento. Nonostante questi ostacoli, la testimonianza dei beneficiari è rassicurante:

All’inizio, quando siamo fuggiti dai conflitti, ho perso tutto e volevo impazzire. Ho pensato molto e ho pensato che ormai la mia vita fosse inutile. Grazie al progetto ,oggi comincio a dimenticare quello che è successo.

S.O., uno sfollato interno a Titao

Queste difficoltà non hanno impedito agli attori attuatori di rimanere concentrati sulla loro determinazione, quella di fornire risposte efficaci ai bisogni medico-nutrizionali e di protezione delle popolazioni delle aree colpite dalla crisi della sicurezza nel Sahel e nel Nord del Sahel. Burkina Faso.

 

La partecipazione attiva e dinamica delle popolazioni è stata fondamentale per la buona riuscita del progetto

L’approccio partecipativo è stato sviluppato con successo nello svolgimento delle attività del progetto. Secondo il consulente esperto di salute e nutrizione di LVIA, il dottor Saïdou OUEDRAOGO, il coinvolgimento della comunità e le attività di mobilitazione sociale sono state la chiave del successo della strategia avanzata:

La partecipazione della comunità ha rivelato un particolare entusiasmo per questa attività, in particolare nei centri sanitari chiusi e anche altrove. Ciò suggerisce che più ci fidiamo della comunità e le deleghiamo compiti in una dinamica strutturata, è pronta, non solo, a fare più sacrifici di quanto ci aspettiamo, ma ad aderirvi fortemente. Quando la comunità si sente autorizzata, contribuisce volentieri e meglio alla fornitura di servizi sanitari

Operatore LVIA - Dottor Saïdou OUEDRAOGO

 

Quanto alle popolazioni locali, l’augurio è che questo progetto si estenda perché la crisi della sicurezza non è ancora finita e non è possibile sapere quando e come potranno raggiungere in pace i loro villaggi.

“Il progetto ci ha fatto sorridere di nuovo e vi diciamo grazie. Senza il progetto non so cosa sarebbe potuto accadere. Chiediamo loro di continuare a sostenerci ”

D.A., un beneficiario di Gorom Gorom.